La signora nel furgone.

Alan Bennett, La signora nel furgone, Adelphi.
Alan Bennett, La signora nel furgone, Adelphi.

Miss Shepherd è un’anziana e burbera signora. Una “barbona”, potremmo dire. Poco avvezza alla cura dell’igiene personale, all’ordine e alla gentilezza. Accumula cianfrusaglie e immondizia in sacchi di plastica che stipa nel furgone dove vive. Furgone che, per inciso, è parcheggiato nel giardino di Alan Bennett. E’ lui, infatti, che, sotto forma di un diario (anche se aggiornato saltuariamente) racconta la difficile convivenza. Senza far mancare le stoccate tipiche dello humor inglese sui modi scontrosi (e gli insopportabili fetori) di Miss Shepherd, Bennett con delicatezza ed eleganza racconta una fragile amicizia tra un integrato e un’emarginata. Tra un normale che vorrebbe sentirsi dire “grazie” e un diverso che, a modo suo, pensa di dirglielo.

La domenica prima di morire andò a messa, cosa che non succedeva da molti mesi; il mercoledì mattina aveva acconsentito a farsi fare un bagno, a mettersi dei vestiti puliti e a coricarsi nel furgone con delle lenzuola pulite; e la notte stessa morì. (….) Non era stato il bagno a uccidere Miss S., come avevo ipotizzato scherzosamente; lasciarsi lavare e rivestire era stata insieme una preparazione alla morte e la sua accettazione.

COMMENTA

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.