The program.

THE PROGRAMLance Armstrong è un truffatore. E infatti è come un cinico, spietato, presuntuoso e arrogante impostore che ci viene presentato nel film di Stephen Frears. Anche con i capelli radi e il volto scavato dalla chemioterapia. Anche – e soprattutto – nell’usare la malattia come vero e proprio trampolino per la gloria. Su questo, che poi è l’aspetto più rivoltante della vicenda, The program non fa sconti. Percorrendo però la strada della somiglianza fisica (nella locandina Ben Foster sembra il sosia dell’americano, ed è incredibile Jesse Plemons nei panni di Floyd Landis) e dell’estrema fedeltà al libro Seven Deadly Sins: My Pursuit of Lance Armstrong del giornalista David Walsh, Frears ha semplificato troppo (se non cancellato del tutto) alcuni momenti della “storia” sportiva di Armstrong. Facendo così risultare fuori contesto le sequenze di gara e le immagini di repertorio, catapultando Armstrong e la sua squadra ai vertici del ciclismo mondiale all’improvviso, quasi per caso. Il texano invece, pur avendo vinto a sorpresa nel 1993 il campionato del mondo (che, si sa, nel ciclismo conta quanto il due di coppe quando regna bastoni) diventa “Lance Armstrong” nel Tour del 1995 quando, 2 giorni dopo la morte del compagno di squadra Fabio Casartelli, vince la tappa di Limoges tagliando il traguardo in lacrime mandando baci al cielo. Lance Armstrong è un truffatore, ma quella pagina di sport all’epoca commosse tutti (compresi quelli che sarebbero diventati i suoi più accesi detrattori). Tra arrivi in salita e spericolate discese il film ci racconta di uno spietato cannibale, implacabile e inarrestabile. Quanto fosse, invece, un coniglio travestito da leone si era chiarito agli occhi degli appassionati molto prima dell’indagine e della radiazione. Quando (Tour del 2000), nel pieno quindi della sua epopea-chimica, sul Mont Ventoux, dopo aver risposto con irrisoria facilità ai ripetuti attacchi di Marco Pantani, con gesti squallidamente plateali indicò al Pirata che, se avesse smesso di accelerare, lo avrebbe lasciato vincere.

Detto questo, fare un film sullo sport è impresa molto difficile (due sequenze con Ben Foster in lanciato in discesa a 80km/h sono quantomeno poco credibili), e The program, infatti, è un film sul sistema-Armstrong più che sul ciclista-Armstrong. Ma inseguire la somiglianza fisica dei protagonisti, l’attinenza tecnica (le bici Trek e gli interventi meccanici, ad esempio), i riferimenti alle competizioni (come la Freccia Vallone iniziale) e i dettagli quelli economici (US Postal, Nike, ecc.) e poi non sfiorare nemmeno questi questi due episodi è una colpevole approssimazione.

Insomma, mi aspettavo di più.

COMMENTA

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.