Vorrei la pelle nera

Si cantava nel 1967.

Anch’io vorrei, oggi, la pelle nera. Ma non una qualsiasi. Vorrei la pelle nera del ministro Cécile Kyenge. Vorrei la sua calma davanti alle continue provocazioni di cui è oggetto. Vorrei la sua prontezza di spirito.

http://www.repubblica.it/politica/2013/07/27/news/solidarie_a_kyenge_delrio-63810412/?ref=HRER1-1

“Con la gente che muore di fame e la crisi sprecare cibo così è triste”. Poche parole per colpire e affondare gli idioti. Poi – senza dubbio – si dovrà dirimere il nodo ius soli, limarne alcuni spigoli. Forse limitarne alcuni aspetti. Ma intanto, oggi: colpiti e affondati, idioti!

COMMENTA

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.